Gruppo Bancario Iccrea
Bcc Credito Cooperativo

Storia

Storia della Banca 2021

La Banca 2021 - Credito Cooperativo del Cilento, Vallo di Diano e Lucania è un istituto di credito cooperativo, aderente al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, che opera in tre regioni e quattro province del Mezzogiorno. Nasce nel gennaio del 2021 dalla aggregazione tra la Banca del Cilento di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania e la BCC di Buonabitacolo.
Banca 2021 è un nome attuale per una banca che, al contrario, opera da diversi decenni nell’interesse di soci e clienti. Sia l’anima cilentana che quelle Lucane e Valdianese di Banca 2021, infatti, prendono vita negli ultimi decenni del secolo scorso.
L’atto costitutivo della BCC di Buonabitacolo è stato firmato il 26 Gennaio 1980 da 349 soci fondatori che hanno eletto alla guida del Consiglio di Amministrazione il dott. Raffaele Rosciano.
Nel luglio 1988, invece, è stato siglato l'atto costitutivo della Cassa Rurale ed Artigiana di Vallo della Lucania, società cooperativa a responsabilità limitata: 757 soci fondatori firmano la costituzione di un istituto di credito cooperativo che riesca a dare risposte certe ad un tessuto economico di piccoli artigiani, commercianti e professionisti. A presiedere il Consiglio di Amministrazione, da allora e fino a giugno del 2011, l’avvocato Franco Chirico.
Nell’agosto 1990 viene inaugurata la sede sociale della Cassa Rurale ed Artigiana di Vallo della Lucania, fulcro di sviluppo per l’intero comprensorio di Vallo della Lucania, la città e i comuni che vi insistono come bacino di servizi, cultura e scambi commerciali.
Nove anni dopo, nell’aprile 1999, la Cassa Rurale di Vallo della Lucania, grazie alla sua attività, ma anche grazie alla fusione con la Cassa Rurale di Omignano, si trasforma in Banca del Cilento Credito Cooperativo Centrale. Prende forma così un istituto di credito cooperativo al passo con le istanze di crescita dell’impresa locale che, in quel periodo, comincia a delinearsi più compitamente nei settori dell’artigianato, dell’agro-alimentare e dei servizi legati al terziario e al turismo. Nei primi anni del nuovo millennio si avvia una prima, fondamentale, riorganizzazione del personale e dell’offerta di servizi alla nuova classe imprenditoriale.
Nel 2004, infatti, arriva alla direzione generale il dottor Ciro Solimeno che, unitamente al Consiglio di Amministrazione, crea il modello di banca a misura d’uomo capace di coniugare l’esigenza di credito e di servizi con un progetto di sviluppo e di crescita economica locale.
Nel 2011 un altro tassello importante si ottiene con il perfezionamento dell’operazione di fusione tra la Banca del Cilento Credito Cooperativo Centrale e la BCC Lucania Sud. Nasce Banca del Cilento e Lucania Sud una nuova banca che sin da subito crea un modello di sviluppo interregionale saldamente ancorato al credito cooperativo, un modello, quasi unico in Italia.
La Banca Lucania Sud nasceva a metà degli anni Ottanta a Viggianello per opera di un gruppo di soci fondatori che avevano come obiettivo la crescita del territorio meridionale della Basilicata. Con alterne vicende riesce ad affermarsi come uno dei punti di riferimento per il sistema economico rurale dell’area della Valle del Frida e per la nascente area commerciale ed artigianale di Lauria. A fine anni Novanta si registra la fusione con la Banca del Pollino, un istituto di credito cooperativo presente nelle aree centrali della Sinnica, la lunga arteria che collega Lauria allo Ionio.
Nel 2016, si assiste ad un altro momento cruciale della storia della Banca: dalla Fusione della Banca del Cilento e Lucania Sud, presieduta dal Prof. Avv. Francesco Castiello, e della
Bcc di Sassano, presieduta dall’Avv. Rosa Lefante, nasce la Banca del Cilento di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania.
E’ il mese di dicembre 2018 che segna una tappa fondamentale per il futuro della Banca; con un’assemblea straordinaria i Soci della Banca approvano l’adesione al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea.
Il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea è il più grande gruppo bancario cooperativo italiano ed è in prima linea nel promuovere un radicale cambio di paradigma nel modo di fare banca. Nato con la riforma del credito cooperativo italiano, il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea riunisce oltre 100 Banche di Credito Cooperativo che hanno scelto di affidarsi a Iccrea Banca per crescere insieme e mettere a disposizione dei propri clienti un'offerta di servizi e prodotti della massima qualità. Il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea è quindi un unicum nel panorama italiano perché mette insieme la capacità delle banche locali nello stringere legami forti con i rispettivi territori e l'esperienza di un grande Gruppo capace di individuare strategie e soluzioni di business allineate ai trend di mercato. Il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea è il terzo gruppo bancario nazionale per sportelli e il quarto per attivi.
Nel mese di dicembre 2020 le assemblee della Banca del Cilento di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania e della BCC di Buonabitacolo approvano la Fusione tra le due banche dando vita così alla Banca 2021-Credito Cooperativo del Cilento, Vallo di Diano e Lucania.

50000
Clienti
7000
Soci
26
Filiali
70
ATM